DJI Inspire 2, il drone “cinematografico”

Pubblicità

Potentissimo, veloce come un ghepardo e tecnologicamente mostruoso: Inspire 2 è il nuovo drone DJI a prova di regia hollywoodiana. Erede naturale del rivoluzionario Inspire 1 del 2014 (primo UAV con gimbal stabilizzato su 3 assi e cam HD), il nuovo modello ne incrementa a dismisura le qualità salienti.

Innanzitutto la camera FPV, completamente aggiornata, che può adesso catturare foto da 20 Megapixel, e soprattutto registrare video fino a 5.2K@30fps, in 4K@60fps e in diversi formati (tra cui Apple ProRes e CinemaDNG RAW). E poi la velocità di movimento, forse la caratteristica più impressionante in assoluto: Inspire 2 accelera da 0 a 80 Km/h in appena 4 secondi (valore simile ad un’auto granturismo), raggiunge un massimo di 108 km/h in linea orizzontale, e può scendere in verticale a 9 metri/secondo.

Realizzato con un frame in lega di alluminio e magnesio per una maggiore robustezza, dispone inoltre di un sofisticato impianto anti-collisione, costellato di sensori ottici e a infrarossi in grado di rilevare li ostacoli a 360 gradi e 30 metri di distanza, garantendo la massima sicurezza in volo. I sistemi di bordo sono ora ridondanti (a cominciare dalla batteria), così da permettere all’Inspire 2 il pieno proseguimento dell’attività anche in caso di malfunzionamenti vari. Ciliegina sulla torta le nuove eliche, progettate per lavorare anche a notevoli altitudini, onde permettere al quadricottero di girare con disinvoltura sequenze in alta montagna.

Le opzioni per controllare il super-drone, infine, sono più d’una: a due radiocomandi indipendenti (uno per governarne il movimento, l’altro per gestire le riprese), si affianca l’ultima versione dell’app DJI GO, dedicata agli irriducibili dello smartphone.

 

Lascia un commento