Mario Perrone

Ideatore e titolare di FVproductions

Canon rinnova una delle sue reflex di maggior successo proponendo un modello con tante novità: sono nuovi il processore e il sensore, ma stupisce la presenza dello stabilizzatore a 5 assi in camera e del display orientabile touch, solitamente messo su modelli consumer.

Canon EOS 6D resta in gamma: è d’altra parte una delle reflex ancora in cima alle classifiche di vendita in Italia, ma da fine luglio sarà affiancata sugli scaffali dal nuovo modello Mark II che Canon propone al prezzo suggerito al pubblico di 2.189,99 euro per il solo corpo macchina.

Rispetto alla 6D questa volta cambia un po’ tutto, anche se per non dare troppo fastidio alla 5D Mark iV feature come il 4K e l’uscita cuffie restano esclusiva del modello top.

EOS 6D Mark II è costruita attorno al nuovo sensore Full Frame CMOS da 26,2 megapixel con tecnologia Dual Pixel, un marchio ormai di fabbrica del brand giapponese per tutte le fotocamere con una spiccata anima video oltre che foto. Un sensore che grazie alle sue dimensioni riesce a spuntare ottimi valori in termini di dinamica e sensibilità: ISO nativi fino a 40.000, espansione fino a 102.400 ISO grazie al processore Digic 7.

EOS 6D Mark II è pure la prima fotocamera EOS full frame a includere la stabilizzazione integrata (digitale) a 5 assi che riduce le vibrazioni della fotocamera durante le riprese video, e soprattutto è anche la prima full frame con uno schermo touch orientabile: qualcuno potrebbe restare perplesso, ma la scelta fatta da Canon è corretta perché grazie al touch la messa a fuoco sul video risulta decisamente più immediata.

Il sistema autofocus fotografico è personalizzabile e dispone di 45 punti tutti a croce, la raffica è di 6.5 scatti al secondo. Tra le altre novità la modalità video time-lapse in 4K e l’intervallometro per assicurare la massima libertà di ripresa, funzioni queste prima non disponibili o disponibili con accessori esterni.

Non mancano infine GPS, che offre ora due modalità di funzionamento per salvaguardare la batteria (si spegne con la macchina) e la connettività wifi più bluetooth, quest’ultimo che resta sempre collegato per offrire scatto remoto e trasferimento file (via wi-fi) immediato.

 

Lascia un commento

Chiudi il menu
×

Carrello

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Cookie policy