Lumix FZ2000

Lumix FZ2000

Leggera, con un’ impugnatura super confortevole, si avverte la robustezza e ci si confonde subito con una reflex, sia per le dimensioni che per le qualità.

A prima vista mi sono reso conto delle molteplici funzioni che ci propone, partendo dalla parte laterale dell’obbiettivo dove troviamo tre tasti funzione (Fn) e lo switch per attivare o disattivare i filtri ND elettronici integrati.

I tre tasti Fn possono essere settati a nostro piacimento ma di default corrispondono a:

  • Fn3: controllo dei valori ISO e Bilanciamento del bianco
  • Fn1 e Fn2: funzione SLOW ZOOMING, che io amo utilizzare durante le riprese video, danno un tocco professionale e di movimento ai nostri video.

Montato sull’obbiettivo troviamo il paraluce, che ci fa capire che la Panasonic Lumix Fz2000 non si orienta solo sulla fotografia ma anche sul videomaking.

Passando alla parte superiore, partendo da destra, abbiamo la ghiera dei programmi, che corrisponde anche al tasto On/Off, la ghiera dei tempi, il comodo tasto rec, un tasto Fn personalizzabile, la ghiera per l’apertura focale, che si estende da f 2.8 a f 11, la leva dello zoom e lo scatto.

A sinistra una comodissima ghiera con sei funzioni, scatto temporizzato, registrazione di scatti in 4k ma con modalità post focus, che permette di mettere a fuco la parte desiderata dopo aver scattato, scatti in 4k, raffica e scatto singolo.

Nel pannello anteriore della Panasonic Lumix Fz2000 possiamo scegliere la messa a fuoco ( MF, AFC, AFS/F ), un tasto Fn5, che apre un menù in cui troviamo il bilanciamento del bianco, funzioni flash, risoluzione video, impostazioni immagine, qualità di scatto, punti di messa fuoco ( 49 aree ) e velocità di scatto; poi troviamo il tasto media, per vedere la nostra galleria di scatti, i comandi per navigare nel menù, dal quale possiamo anche impostare gli ISO ed un tasto Fn; a sinistra il tasto per passare dalla visione sullo schermo al mirino elettronico LVF OLED che copre quasi tutto il campo visivo ed è orientabile a 360°.

A proposito dello schermo,sulla Panasonic Lumix Fz2000 troviamo un touch screen, che trovo molto utile, in quanto velocizza la selezione nel menù, la scelta del punto di messa a fuoco ed unito alle ghiere creano una perfetta combinazione.

Altra funzione interessante è l’ormai immancabile Wifi, che ci permette di trasferire i nostri scatti sullo smartphone in tempo reale, senza dover aspettare di avere il pc davanti a noi.

Quando parliamo di bridge, molti pensano a bassa qualità, ma non è per niente così, ad esempio la Panasonic Lumix Fz2000 ha una lunghezza focale che va da 24mm a 480mm, una grande potenzialità per una bridge; la velocità di scatto è un’altra componente che mi ha stupito, come l’autofocus, veloce e preciso, la potente stabilizzazione e le riprese in 4k che fanno salire di un gradino questa grande macchina.

Una nota amara la si trova nella scelta di non inserire il V-Log L. ma di farlo pagare ben 100 € a parte, che se fosse inserito estenderebbe la gamma dinamica da 10 a 12 stop.

Sugli ISO non ho molto da dire, ha un range che va da 80 a 25600, regge molto bene fino a 1600 iso in condizioni di luce favorevoli, mentre se si sale si aggiunge un po’ di rumore che compromette la resa finale dello scatto.

blackmagic

Blackmagic Pocket Cinema Camera

Oggi si parlerà di BLACKMAGIC POKET CINEMA CAMERA, la macchina che in questo momento, secondo il mio giudizio, racchiude l’essenza di una macchina da cinema professionale.

La Black magic Pocket Cinama Camera è infatti nata con la concezione di immediatezza, cosi come d’altra parte il mondo del mirrorless, ma in questo caso, anche con la pretesa di poter essere impiegata nel mondo del cinema professionale.

La Camera non scatta foto, ma solo filmati e questo già la identifica rispetto alle reflex o le mirrorless.

Il suo aspetto può purtroppo far pensare che non sia un mezzo professionale proprio perchè eccessivamente minuscolo e spesso per questo va detto ai clienti che  la BMPCC è una videocamera professionale in grado di registrare filmati migliori rispetto a qualsiasi reflex digitale.

Purtroppo diversamente dalle sorelle maggiori (Blackmagic Cinema Camera 2.5K e Blackmagic Production Camera 4K), non dispone di un monitor touch screen. Questo la rende un po fastidiosa da adoperare ed é infatti necessaria una continua apertura del menù durante le fasi di lavoro,  ma ci si fa l’abitudine. 
​Per avere maggiore immediatezza è quindi consigliabile un monitor esterno da collegare attraverso l’attacco HDMI.

ATTENZIONE: La BMPCC soffre di un fattore crop di circa 3x, e questo significa che se montate un’ottica 14mm, la stessa diventerà quindi un 40mm. Pertanto per avere un grandangolo con la BMPCC  ci si deve dotare di obiettivi fisheye.

Purtroppo la BMPCC non ha nessun tipo di stabilizzatore ed essendo abituato al lusso della stabilizzazione su 5 assi della Olympus, mi fa paura utilizzarla in movimento privo di cavalletti o sistemi di stabilizzazione esterna.
Non sono comunque molto amante delle cose girate troppo in movimento ergo mi va già bene un cavalletto o in casi di movimento affianco la BM alla mia OMD 5 MII.

La macchina dispone di un  “Focus Peaking”: molto utile e di facile utilizzo
Questa possibilità di messa a fuoco aiuta di molto, soprattutto perchè la macchina è dotata di un dislay che non è molto leggibile soprattutto in condizioni di forte luminosità. 

 

86a20378683e395a93b0df4c91a370c1

Sony SEL-P 28-135 mm F4 G OSS

Obiettivo Zoom con focali standard di alta qualità, il SONY SEL 28-135/4 G FE PZ è progettato per soddisfare le esigenze delle fotocamere Sony E-mount ( Full Frame e APS-C) sia in ambito fotografico che ,soprattutto, in ambito video professionale:
Il design ottico di precisione , infatti ,supporta la produzione 4K Ultra HD di alta qualità con una variazione minima dell’angolo di visione durante la messa a fuoco e uno spostamento assiale minimo durante lo zoom.
Funzioni ed qualità costruttive da prodotto di fascia alta, ereditati dalle apparecchiature professionali di Sony. Tre ghiere di controllo manuale per le produzioni più complesse ad ampio formato.
La prima unità con SSM (motore a onde supersoniche) al mondo integrata in un obiettivo progettato per le riprese video assicura uno zoom silenzioso e fluido.
L’obiettivo dispone di un controllo dello zoom motorizzato con velocità variabile e della rotazione dello zoom con capacità d’inversione.
L’utilizzo di un motore lineare e la riduzione del peso del gruppo flottante, minimizzano ulteriormente in rumore della messa a fuoco.
La qualità ottica è garantita da cinque elementi asferici e tre elementi ED, che funzionano con avanzata tecnologia multi-coating, al fine di ridurre al minimo sia la distorsione che le aberrazioni cromatiche , contribuendo a generare immagini nitidecon maggiore contrasto .
Tre anelli indipendenti di controllo per gestire lo zoom, la messa a fuoco e l’apertura del diaframma :la messa a fuoco può essere commutata da automatico a manuale facendo scorrere la ghiera di messa a fuoco in avanti in modo da mantenere il controllo in ogni fase.

Tutti e tre le ghiere sono stati progettate per fornire la giusta quantità di coppia per una comoda reattività di funzionamento, mentre la smerlatura sugli anelli agevola il comfort, per un controllo senza scivolamenti accidentali.
Una costante apertura massima di F/4 offre alte prestazioni per tutta la gamma di zoom ed è in grado di agevolare il lavoro in condizioni di scarsa luminosità anche al massimo ingrandimento.
Ulteriore beneficio per le condizioni di lavoro più difficili ( scarsa illuminazione e/o movimento )è fornito dallo stabilizzatore integrato SteadyShot ottico , che lavora per ridurre al minimo la comparsa di movimento della fotocamera fino a quattro livelli di velocità dell’otturatore.
La struttura leggera e compatta, che è anche resistente a polvere e umidità, è ideale per tutte le situazioni che richiedono mobilità e affidabilità.
innesto Sony E-mount ( full Frame compatibile )