Lumix FZ2000

Lumix FZ2000

Leggera, con un’ impugnatura super confortevole, si avverte la robustezza e ci si confonde subito con una reflex, sia per le dimensioni che per le qualità.

A prima vista mi sono reso conto delle molteplici funzioni che ci propone, partendo dalla parte laterale dell’obbiettivo dove troviamo tre tasti funzione (Fn) e lo switch per attivare o disattivare i filtri ND elettronici integrati.

I tre tasti Fn possono essere settati a nostro piacimento ma di default corrispondono a:

  • Fn3: controllo dei valori ISO e Bilanciamento del bianco
  • Fn1 e Fn2: funzione SLOW ZOOMING, che io amo utilizzare durante le riprese video, danno un tocco professionale e di movimento ai nostri video.

Montato sull’obbiettivo troviamo il paraluce, che ci fa capire che la Panasonic Lumix Fz2000 non si orienta solo sulla fotografia ma anche sul videomaking.

Passando alla parte superiore, partendo da destra, abbiamo la ghiera dei programmi, che corrisponde anche al tasto On/Off, la ghiera dei tempi, il comodo tasto rec, un tasto Fn personalizzabile, la ghiera per l’apertura focale, che si estende da f 2.8 a f 11, la leva dello zoom e lo scatto.

A sinistra una comodissima ghiera con sei funzioni, scatto temporizzato, registrazione di scatti in 4k ma con modalità post focus, che permette di mettere a fuco la parte desiderata dopo aver scattato, scatti in 4k, raffica e scatto singolo.

Nel pannello anteriore della Panasonic Lumix Fz2000 possiamo scegliere la messa a fuoco ( MF, AFC, AFS/F ), un tasto Fn5, che apre un menù in cui troviamo il bilanciamento del bianco, funzioni flash, risoluzione video, impostazioni immagine, qualità di scatto, punti di messa fuoco ( 49 aree ) e velocità di scatto; poi troviamo il tasto media, per vedere la nostra galleria di scatti, i comandi per navigare nel menù, dal quale possiamo anche impostare gli ISO ed un tasto Fn; a sinistra il tasto per passare dalla visione sullo schermo al mirino elettronico LVF OLED che copre quasi tutto il campo visivo ed è orientabile a 360°.

A proposito dello schermo,sulla Panasonic Lumix Fz2000 troviamo un touch screen, che trovo molto utile, in quanto velocizza la selezione nel menù, la scelta del punto di messa a fuoco ed unito alle ghiere creano una perfetta combinazione.

Altra funzione interessante è l’ormai immancabile Wifi, che ci permette di trasferire i nostri scatti sullo smartphone in tempo reale, senza dover aspettare di avere il pc davanti a noi.

Quando parliamo di bridge, molti pensano a bassa qualità, ma non è per niente così, ad esempio la Panasonic Lumix Fz2000 ha una lunghezza focale che va da 24mm a 480mm, una grande potenzialità per una bridge; la velocità di scatto è un’altra componente che mi ha stupito, come l’autofocus, veloce e preciso, la potente stabilizzazione e le riprese in 4k che fanno salire di un gradino questa grande macchina.

Una nota amara la si trova nella scelta di non inserire il V-Log L. ma di farlo pagare ben 100 € a parte, che se fosse inserito estenderebbe la gamma dinamica da 10 a 12 stop.

Sugli ISO non ho molto da dire, ha un range che va da 80 a 25600, regge molto bene fino a 1600 iso in condizioni di luce favorevoli, mentre se si sale si aggiunge un po’ di rumore che compromette la resa finale dello scatto.

panasonic

Panasonic HC-X1000: videocamera semi-professionale 4K

La videocamera utilizza un sensore retroilluminato BSI in formato 1/2,3″ di nuova generazione, che lavora in accoppiata al processore Crystal Engine Pro 4K: per l’ottica invece troviamo un obiettivo zoom 20x Leica Dicomar. L’obiettivo integra tre filtri ND (1/4, 1/16, 1/64).

Panasonic HC-X1000

La videocamera HC-X1000 è stata progettata pensando ai cineasti, infatti le opzioni di registrazione in 4K non supportano solo il formato QFHD (3840 x 2160) per le trasmissioni televisive, ma anche il formato Cinema 4K (4096 x 2160) per la produzione cinematografica. Per quanto riguarda i formati l’AVCHD è affiancato dai formati MOV e MP4, per una postproduzione semplice e veloce, mentre la registrazione in formato Full HD utilizza la compressione ALL-Intra per un bit rate massimo di 200 Mbps.

Panasonic HC-X1000

Per quanto riguarda i supporti di registrazione, sono a disposizione due slot SD. Sono diverse le modalità per combinare i due: possono registrare gli stessi dati su entrambe le schede, eliminando così la preoccupazione di perdere il girato, mentre con la funzione Auto-Switch Recording la videocamera passa automaticamente e senza interruzioni dal registrare sullo Slot 1 allo Slot 2 quando la prima scheda esaurisce lo spazio. Infine, con la funzione Background Recording abilita sullo Slot 2 la registrazione continua di un evento senza interruzioni e permettendo salvare sullo Slot 1 solo le scene necessarie, attivando e disattivando l’interruttore REC. Questa funzione elimina il rischio di perdere degli eventi che si verificano quando l’interruttore REC è in posizione Off, ma offre anche la possibilità di avere già spezzoni selezionati, per abbreviare la post produzione. La videocamera Panasonic X1000 dispone infine di ingressi audio a due canali con terminali XLR per collegare microfoni esterni o linee con alimentazione phantom +48 V.

[themify_layout_part id=2226]

mark-zuckerberg-amazing

Facebook: nuova app per i videomaker. Ecco Creator

Facebook sfida YouTube, realizzando un’applicazione pensata per gli utenti che condividono i propri video sulle piattaforme social.

Si chiama Facebook Creator, e include una serie di strumenti per lo streaming video, per l’aggiornamento delle Storie e per la gestione dei messaggi attraverso le diverse piattaforme del social network. La App è disponibile per tutti gli iscritti di Facebook su iOS, mente la versione Android arriverà nei prossimi mesi.

Due le novità più rilevanti. La prima riguarda alcune funzioni di Facebook Live: si potranno ora creare scene personalizzate per l’inizio e la fine dei video in diretta oltre ad aggiungere emoji o reactions. L’app è anche in grado di scattare e modificare foto per poi pubblicarle nelle Storie di Facebook e su altre piattaforme, con più adesivi ed effetti in realtà aumentata disponibili. Creator consente anche il cross posting di questi contenuti sui diversi social media.

La seconda novità riguarda la possibilità di comunicazione con gli altri utenti: la app crea una casella di posta unificata per i commenti su Facebook ed Instagram ed i messaggi di Messenger.

Inoltre, il social network fornirà statistiche per seguire i progressi delle Pagine, con i dettagli demografici sui fan, che aiuteranno gli influencer non solo a conoscere il target ma anche a produrre contenuti sempre più adatti.

Infine, è stato lanciato anche Facebook for Creators, un nuovo sito web in cui i creatori possono trovare risorse e suggerimenti su come creare video, connettersi con i fan e crescere all’interno del social network.

[themify_layout_part id=2226]